04 aprile 2019

Articolo Agento su Focus

Agento su Focus

È motivo di grande orgoglio sapere che Focus, la rivista a carattere scientifico, ha voluto dedicare uno articolo all’interno delle proprie pagine del numero 317 (marzo 2019) per parlare dell’AsciugaStiratrice Agento Professional.

A colpire la redazione del mensile è stato il carattere assolutamente innovativo di Agento, con quei tratti che la distinguono in modo netto da tutte le tradizionali asciugatrici.

Nel suo spazio, la rivista ha sottolineato quanto Agento riesca a migliorare concretamente la qualità di vita delle persone, portando benessere nelle famiglie, sollevandole dalle incombenze e dai disagi legate al bucato. Tutto grazie ad una tecnologia esclusiva, Double Power Tecnology, che permette di scegliere tra le due migliori tecnologie. Oltre all’efficienza energetica, che si lega a quell’attenzione ambientale su cui House to House desidera mantenere il proprio impegno da sempre.

Nella sua pagina a noi dedicata, Focus ricorda anche l’importanza dello Stop Stiro System 3, grazie al quale tre metri cubi di aria al minuto creano una straordinaria nuvola di vapore, che apre le fibre dei tessuti, distendendole accuratamente e riducendo fino al 93% il tempo di stiratura. E poi ancora il valore dello Stop Allergy System e dell’igienizzazione che avviene grazie ad una perfetta combinazione di vapore e temperature, a seguito della quale ogni residuo, particella o particolato rimane intrappolato all’interno degli speciali filtri; ciclo dopo ciclo i tessuti sono liberati dalla carica batterica fino al 99,99%.

Capi asciutti si, ma non solo: perfettamente igienizzati e stirati.

Per sottolineare la straordinarietà delle potenzialità della nostra AsciugaStiratrice, Focus ha evidenziato anche i risultati che confrontano un tessuto asciugato con un metodo tradizionale e lo stesso tessuto asciugato in Agento: la differenza è palesemente notevole, evidente ad occhio nudo ed è anche garanzia di una soddisfazione piena, che va oltre le aspettative di ogni Cliente.

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO